domenica 31 ottobre 2010

Folletti, fatine e streghe........e la befana?

Questa mattina ho trovato una sorpresa nella mia credenza, folletti birichini, beh uno è un po'pensieroso, chissà, ma è una folletta!! Sospira per il suo amato che mi sembra si sia nascosto per farle un....dolcetto scherzetto!!

                                                   
                                                    "Cos'è un folletto? Chiedilo al pino
È chi ti è appena passato vicino
E dov'è andato? Chiedilo al faggio
È andato a cogliere miele di maggio
Per farne cosa? Chiedilo al fico
Per fare bibite per ogni amico
E quando torna? Chiedilo al tasso
Ritorna subito, prima di adesso
E ora a chi chiedo? Dove l'aspetto?
Chiedilo a me, che sono un folletto!"





Ma in aiuto della folletta c'è una fatina dolce e carina un po' sulle sue, anche lei mi sembra assorta, ma cosa succede? Anche lei pensa a qualcuno e non ha la bacchetta magica!


 "Sono una fata ma faccio la strega
Sono cattiva ma chi se ne frega
Sono malvagia, sono maligna
Cuore di pietra e testa di pigna
Schiaccio le mosche, sputo sui gatti
Metto le dita negli occhi ai cerbiatti
Picchio i bambini, spingo le vecchie
Tiro i capelli e poi giro le orecchie
Son prepotente, ho sempre ragione
Picchio e discuto, sputo e protesto
E chi dirà che le fate son buone
Provi un po' questo!"


Aaaah, adesso ho capito, non è una fatina ma una streghina, furbetta ma molto carina....

"Cosa stregata, cosa magata
Cosa toccata da brutta magia
Non me ne importa di chi t'ha portata
Togliti, sciogliti, vattene via
Io chiudo gli occhi, guardo all'insù
Poi li riapro... e non ci sei più!"

Ma chi c'è....la befana! Ma non è l'Epifania che tutte le feste porta via...oggi è la festa delle streghe, dei folletti e delle zucche!!


Che pasticcio questa storia!

Ho voluto scherzare un po' per proporvi queste bellissime creazioni di una mia amica che utilizza pigne per la realizzazione degli oggetti. Ha un sito dove potete trovare tutte le informazioni e se volete anche acquistarli per voi o per fare un regalo diverso e perchè no come auspicio di buona fortuna!







sabato 30 ottobre 2010

Tortini con rum di cioccolato

Per i miei amici questa sera ho pensato di fare dei dolcetti semplici ma accompagnati da un liquore al rum di cioccolato che ho comprato quando sono andata a L'Aquila in occasione della manifestazione Eurochocolate e decorati con frutta.














Ho preparato delle monoporzioni usando gli stampini dei muffins, gli ingredienti sono per circa 12:
2 uova
150 gr. di zucchero
125 gr. di burro fuso
150 ml. di latte
200 gr. circa di farina 00
1 bustina di lievito per dolci
buccia di limone grattugiata
a piacimento, se volete, anche pezzetti di cioccolata


Lavorate bene le uova intere con lo zucchero. Quando saranno diventate spumose aggiungere la buccia grattugiata del limone, il burro fuso e il latte. Poi un po' alla volta la farina setacciata con il lievito ed infine, chi vuole, pezzetti di cioccolata.
Foderate gli stampini con carta da forno o imburrate ed infarinate e mettete un po' di impasto.
Passate in forno a 160 gradi per 20 minuti. Lasciate raffreddare!
                                                                                                                                            

Ho preso un bel piatto e sotto ad ogni tortino ho messo il liquore Ciocorhum, poi ho decorato con della frutta, i frutti di bosco e al centro dei spicchi di mandarino e per finire una spolverata di zucchero a velo!


Belli vero, semplici e molto molto dulcis...!!


venerdì 29 ottobre 2010

Lezione di cucina: antipasti caldi e freddi

Ho tenuto la prima lezione di cucina organizzata dall'Istituto Alberghiero "De Cecco" di Pescara, come prima serata abbiamo preparato degli antipasti caldi e freddi.
Gli antipasti sono i seguenti:
Involtini di verza con zucca e castagne e cous cous
Bastoncini di formaggio croccante con sesamo e crema di balsamico
Bignet con julienne di calamari e verdurine croccanti
Mixed satay sticks
Coppette fillo con mousse di ceci
Bastoncini di carne macinata e verdurine croccantini

mercoledì 27 ottobre 2010

Scaloppe di maiale al marsala con contorno di verza e patate

Finalmente comincia a fare un po' freschino! Beh ci vuole adesso anche per cambiare menù!
Oggi ho preparato un bel piatto gustoso per cominciare l'autunno in bellezza.
Ho preso dell'arista di maiale bella magra e tenera, l'ho fatta a fette non molto sottili e le ho cucinate mettendole infarinate con della farina di riso (molto più leggera), in una padella con olio extravergine d'oliva e una noce di burro. Le ho fatte rosolare per bene a fuoco basso per non farle attaccare, poi le ho salate e finite di cuocere con dell'ottimo marsala (circa mezzo bicchiere).


A fine cottura si ottiene un salsa cremosa al profumo di marsala, sapore molto delicato e leggero.


Per contorno non poteva mancare una buonissima teglia di verza e patate.


La preparazione di questo piatto è molto semplice e anch'esso più leggero di quanto si immagini.
Ho fatto a tocchetti due patate medie e le ho lessate "al dente". Nel frattempo ho preso una padella dove ho messo dell'olio extravergine d'oliva e della cipolla tritata. Ho fatto imbiondire la cipolla e poi ho messo la verza tagliata a listarelle (500 gr.) e fatta "soffocare" con il coperchio chiuso aggiungendo un po' d'acqua. Quando si è cotta ho versato le patate a tocchetti e le ho fatto insaporire.
Per renderla ancora più gustosa ho schiacciato un po' di patate così da amalgamarsi meglio.

Potete servire con delle fette di pane passate qualche minuto in forno, croccanti fuori e morbide dentro e un filo di olio extra vergine d'oliva.
Buon appetito a tutti!



lunedì 25 ottobre 2010

Biscotti al limone

Ieri pomeriggio mi sono accorta di non avere più biscotti per la colazione di questa mattina. Con pochi ingredienti ho sfornato dei semplici biscotti casalinghi al limone.
Eccoli qua, belli vero?


Gli ingredienti sono:
500 gr. di farina 00
150 gr. di zucchero
un pizzico di sale
la scorza grattugiata di un limone
una bustina di lievito per dolci
Disporre a fontana gli ingredienti elencati e nel mezzo aggiungere 2 uova intere, il succo di mezzo limone e 100 gr. di olio (extravergine o mais).


Quando avete ottenuto un impasto ben sodo, stendete con un matterello dell'altezza di un centimetro e fate di diverse forme.
Metteteli in una teglia larga con della carta da forno.
Zuccherate la superficie dei biscotti. Ho messo anche della granella di mandorla!
Infornate per circa 20 minuti a 160 gradi.


I biscotti risulteranno croccanti e molto profumati, possono essere serviti non solo a colazione ma anche per una merenda accompagnata da un buon tè o farciti con marmellata o cioccolata.
La particolarità di questi biscotti è che possono rimanere per dieci giorni e più dentro un contenitore di vetro o di latta.

Vengono anche chiamati biscotti "semprefreschi"!

mercoledì 20 ottobre 2010

Composta di pesche gialle alla menta

Buon pomeriggio!
Ieri ho trovato ancora della buona frutta estiva. Ho preso delle pesche gialle genovesi sode e mature e ho pensato di conservarle in vasetti per poterle gustare nei prossimi giorni invernali.


Ho preparato una composta con un tocco di menta.
Ho preso le pesche (1 kg. circa) e le ho fatte a pezzetti, messe in una pentola insieme allo zucchero (400 gr.) e succo di limone e un po' d'acqua.
Il risultato è stato una pesca sciroppata densa.
Ho messo il composto nei vasetti sterilizzati con delle foglioline di menta, il profumo e d il sapore decisamente estivi.


Guardate che colore ha la frutta!!

Inoltre avevo della zucca perchè di questo periodo è nel pieno della produzione e non contenta ho rifatto una marmellata con dentro i pezzetti di pesca gialla.


Devo dire che il connubio tra il vegetale e la frutta è qualcosa di speciale.
La preparazione è quella descritta nella ricetta già pubblicata sulla marmellata di zucca, in più ho aggiunto oltre agli amaretti anche un tocco di marsala.


Peccato che non si possa sentire il profumo durante la preparazione.
Vi saprò dire quando inviterò i miei amici a casa per una cenetta sfiziosa!



sabato 16 ottobre 2010

Torte al cioccolato

Buongiorno, il sabato dovrebbe essere una giornata per dedicarsi un po' a se stesse, ma per chi lavora è piuttosto una giornata di recupero di tutta la settimana, però cosa c'è di meglio che fare una buona colazione con una fetta di torta fatta in casa? Ieri dopo pranzo prima di andare al lavoro ho sfornato un plumcake al cioccolato!



E' uscito veramente bene, morbido ma soprattutto goloso, gli ingredienti sono pochi e semplici:
4 uova
200 g di zucchero
100 g circa di burro fuso
150 ml di latte
60 g di cacao amaro
farina quanto basta di solito circa 200 gr. o poco più
1 bustina di lievito per dolci
nell'impasto ho grattugiato del cioccolato bianco ma potete aggiungere granella di nocciole o mandorle


Impastare seguendo l'ordine degli ingredienti, imburrare ed infarinare una teglia per plumcake infornare a 160° per 30 minuti circa.
Passati i 30 minuti, prima di togliere dal forno controllare con uno stecchino se è cotta, altrimenti lasciare altri 10 minuti.
Quando si sarà raffreddata, spolverizzate di zucchero a velo.


Ho pensato di mettere un po' di impasto negli stampini di alluminio e sono usciti dei piccoli tortini, belli vero?


Si possono gustare semplicemente così o farciti con marmellata o con la nutella o ancora con della crema pasticcera!

E per finire una torta al cioccolato farcita alla nutella che mia figlia ha voluto per il suo compleanno l'anno scorso.


Abbiamo decorato con dei cuori di frolla e confettini colorati, semplice ma soprattutto molto golosa!

giovedì 14 ottobre 2010

Ravioli di ricotta al ragù

Giovedì gnocchi? Noo! Ma pasta ripiena, a casa mia ne vanno matti!
Comincia a fare freschetto e si comincia a mangiare un po' più sostanzioso, oggi per pranzo un bel piatto di ravioli di ricotta con un delizioso ragù.

Ho preparato i ravioli di ricotta come nella ricetta con la salsa ai funghi, stesso procedimento ed ecco qua, belli vero?


Nel frattempo ho preparato un ragù. Ho messo in una padella olio, un trito di cipolla, carota e sedano, li ho fatti soffriggere e poi ho messo la carne macinata, fatta rosolare con un po' di vino bianco, quando è evaporato, un pizzico di sale. Infine della salsa di pomodoro (naturalmente quella fatta quest'estate!).


Che dire, sono talmente buoni, che una tira l'altra!


Da spolverizzare con pecorino o parmigiano grattugiato

Abbiamo accompagnato il piatto con un ottimo Montepulciano d'Abruzzo.

martedì 12 ottobre 2010

Una domenica all'Aquila..

Finalmente trovo un po' di tempo per potervi raccontare della domenica passata a L'Aquila.
Sono partita insieme a mia madre per andare a trovare mia sorella o meglio per festeggiare il suo compleanno.
Giornata bellissima, tiepida, colori autunnali, tipica di ottobre!
Quando siamo arrivate per prima cosa siamo andate a Piazza Duomo dove si stava svolgendo una manifestazione importante e soprattutto golosa per dare un contributo significativo alla città dell'Aquila.


La più famosa kermesse di cioccolato - Eurochocolate - che si tiene a Perugia. per la prima volta nel nostro capoluogo di Regione, con lo slogan "Ricostruire l'Aquila con dolcezza".


E' la sorpresa mia sorella l'aveva fatta a noi prenotando una degustazione presso uno stand "Specialità abruzzesi". Non potete immaginare che profumo!


Erano presenti diversi produttori artigiani locali del settore agroalimentare riunitisi nel Consorzio Prodotto a L'Aquila.
Dopo una breve introduzione siamo passati al primo assaggio: pane e salumi..non potete immaginare che bontà!
Il pane a lievitazione naturale prodotto da uno dei forni più antichi dell'Aquila "Peppinella", cotto a forno a legna.


I salumi, invece erano del Sig. De Paolis che ci ha fatto gustare un guanciale di maiale a fette molto sottili, un pezzetto di salsiccia di fegato di maiale ed un altro sempre di fegato di maiale al miele, quest'ultimo molto raffinato e soprattutto molto digeribile.


Poi la parola è passata ad una gentile signora di nome Maria Teresa che ci ha fatto degustare la produzione dei suoi dolci - DOLCI AVEJA - descrivendoci le caratteristiche di ogni dolcino.
I prodotti sono fatti con pochi ingredienti ma  selezionati in particolare le mandorle e le nocciole e poi il cioccolato fondente o bianco, il miele, rum a seconda del dolcino.


Devo dire veramente genuini ed artigianali, fatti come si facevano in casa una volta!
Se volete saperne di più potete consultare il sito http://www.dolciaveja.it/

Siamo uscite veramente soddisfatte e soprattutto orgogliose di appartenere ad una Regione, l'Abruzzo, "forte e gentile" ed in particolare al capoluogo aquilano che con tanta dignità sta cercando di risollevarsi con le proprie capacità e la fermezza che lo distingue.
Continuando il nostro giro tra gli stand abbiamo trovato quello che vendeva la Cazzuola dei Costruttori di Dolcezze, un modo per sostenere la ricostruzione di una parte della città. Tutto esaurito in poco tempo!


..e poi non potevano mancare i famosi confetti di Sulmona!


Particolare importanza e simbolo della manifestazione è stata l'Aquila di cioccolato realizzata dall'artista marchigiano Emidio Sturba che con un blocco unico di cioccolato ha realizzato la scultura, un capolavoro e tanta maestria. Complimenti!


Per finire, volevo dire che di parole se ne sono dette tante sul terremoto e su tutto quello che ha provocato. In un certo senso ha rimescolato le carte in tavola, ha fatto emergere le problematiche diffuse che già c'erano, ha rimesso in discussione non solo la città come ubicazione ma anche l'animo e i sentimenti umani che erano sopiti dalla routine del vivere quotidiano, adesso è dura rimettere a posto  i cocci, ma sono convinta che la determinazione e l'amore per la propria città saranno ricompensate, la speranza è l'ultima a morire!





giovedì 7 ottobre 2010

Ciambellone soffice allo yogurt

Cosa c'è di meglio che iniziare una buona colazione con un dolce fatto in casa? Il più semplice ma il più sfornato ed elaborato in tanti gusti diversi.
Ho fatto un ciambellone allo yogurt all'arancia con pezzetti di cioccolato fondente, veramente delicato e soffice..



Ecco gli ingredienti che ho usato:
3 uova
250 gr. di zucchero semolato
250 gr. circa di farina 00
130 ml. di olio di semi di mais o d'oliva
un vasetto da 125 gr. di yogurt all'arancia (o altri gusti)
1 cucchiaio abboddante di liquore di rum
1 bustina di lievito per dolci
pezzetti di cioccolato fondente


Preparazione:
sbattete molto bene le uova con lo zucchero fin chè diventa spumoso, aggiungete poi l'olio,
lo yogurt, il liquore al rum, la farina, il lievito ed infine i pezzetti di cioccolato.
Imburrate bene ed infarinate lo stampo per il ciambellone e versate il composto.
Infornate a 160° per circa 30 minuti.


Soffice, morbida e che profumo!

Per rendere importante la fetta di ciambellone ho preparato una salsa al cioccolato, ho preso del cioccolato fondente, l'ho fatto sciogliere in una noce di burro. Poi ho messo un po' di latte e di liquore al rum fino ad arrivare ad una consistenza cremosa, infine ho aggiunto della cannella, profumatissima!



domenica 3 ottobre 2010

Tè e dolcezze con le amiche

La domenica, è piacevole passare il pomeriggio con le amiche a chiacchierare piacevolmente davanti ad una tazza di tè e ad invitanti pasticcini, fatti in casa naturalmente!!


Ho scelto una bella tovaglia blu, colore rilassante,
per far risaltare meglio le tazze ed i piattini




un cuore di frolla tira l'altro



Domani sarà già una giornata diversa!

Ah, dimenticavo la cosa più importante, le foto sono state realizzate da mia figlia Camilla, veramente brava!

Un pensiero per i nonni

I vecchi sulle panchine dei giardini
succhiano fili d'aria e un vento di ricordi
il segno del cappello sulle teste da pulcini
i vecchi mezzi ciechi i vecchi mezzi sordi
i vecchi che si addannano alle bocce
mattine lucide di festa che si può dormire
gli occhiali per vederci da vicino a misurar le gocce
per una malattia difficile da dire
i vecchi tosse secca che non dormono di notte
seduti in pizzo al letto a riposare la stanchezza
si mangiano i sospiri e un po' di mele cotte
i vecchi senza un corpo i vecchi senza una carezza
i vecchi un po' contadini
che nel cielo sperano e temono il cielo
voci bruciate dal fumo dai grappini di un'osteria
i vecchi vecchie canaglie
sempre pieni di sputi e consigli
i vecchi senza più figlie questi figli che non chiamano mai
i vecchi che portano il mangiare per i gatti
e come i gatti frugano tra i rifiuti
le ossa piene di rumori e smorfie e versi un po' da matti
i vecchi che non sono mai cresciuti
i vecchi anima bianca di calce in controluce
occhi annacquati dalla pioggia della vita
i vecchi soli come i pali della luce
e dover vivere fino alla morte che fatica
i vecchi cuori di pezza
un vecchio cane e una pena al guinzaglio
confusi inciampano di tenerezza e brontolando se ne vanno via
i vecchi invecchiano piano
con una piccola busta della spesa
quelli che tornano in chiesa lasciano fuori
bestemmie e fanno pace con Dio
i vecchi povere stelle
i vecchi povere patte sbottonate
guance da spose arrossate di mal di cuore e di nostalgia
i vecchi sempre tra i piedi
chiusi in cucina se viene qualcuno
i vecchi che non li vuole nessuno i vecchi da buttare via
ma i vecchi, i vecchi, se avessi un'auto da caricarne tanti
mi piacerebbe un giorno portarli al mare
arrotolargli i pantaloni e prendermeli in braccio tutti quanti
sedia sediola... oggi si vola... e attenti a non sudare.
(C. Baglioni)


                                                                                              Buona domenica!

sabato 2 ottobre 2010

Gita a Firenze

Oggi vi mostro alcune foto  di un breve viaggio fatto quest'estate ad agosto insieme con le mie figlie e  un'amica di mia figlia.
Abbiamo pensato di fare una visita di due giorni a Firenze.
Quante volte ci sono stata!
Ed ogni volta sempre più bella, più spettacolare ed affascinante.
Tutto è stato deciso ed organizzato in pochi giorni e senza troppi ripensamenti, insomma una vera e propria vacanza last minute.


Abbiamo alloggiato in un piccolo B&B nel borgo San Frediano, proprio nel meraviglioso centro storico. Distavamo circa 100 mt dal Ponte Vecchio!


Girando per le vie e viuzze, osservando e fotografando tutto quello che ci piaceva ci siamo fermate a fare un piccolo ristoro, di quelli "calorici", che bontà!


e per rendere più dolce e simpatica la giornata..un bacio di cupido


.. e all'imbrunire  la città si trasforma come per incanto!


Un bacio speciale alle mie ragazze!




Related Posts with Thumbnails