lunedì 30 settembre 2013

Penne rigate con orzo alle crema di ceci e composta di cipolle

Non avevo postato questo piatto in quanto avevo avuto un problema di virus nel blog, brillantemente risolto. 
Piatto autunnale con prodotti della filiera corta.




Ingredienti:
300 g di ceci abruzzesi (sono piccoli)
carota, sedano, cipolla e una foglia di alloro
un rametto di rosmarino, uno spicchio d'aglio, olio evo, sale
300 g di cipolle bianche
40 g di zucchero semolato
500 g di Montepulciano d'Abruzzo
350 g di penne rigate con orzo Del Duca

Iniziamo nel preparare la composta di cipolle: tagliate le cipolle a julienne e caramellatele a fuoco bassissimo con lo zucchero, cuocetele con il Montepulciano fino a quando non diventa una confettura.
Per quanto riguarda i ceci, li ho messi in ammollo il giorno prima almeno per 12 ore e poi li ho lessati con le verdure e la foglia di alloro mettendo il sale a fine cottura. Poi ho appassito l'aglio e il rosmarino nell'olio e quando si è insaporito li ho tolti e ho messi i ceci con circa metà dell'acqua di cottura, ho lasciato insaporite e poi li ho frullati (non molto a lungo, ho preferito un po' granulosa). 
Nel frattempo ho messo a cuocere la pasta circa 350 gr. e condito con la crema di ceci e una quenelle, in ogni piatto, di composta di cipolle, aggiungere un filo d'olio evo. 

Si può aggiungere, per dare più intensità al piatto e corposità, della pancetta tagliata molto sottile e resa croccante ripassata in padella.

martedì 24 settembre 2013

Plumcake ai fichi e nocciole

Buongiorno a tutti, il dolce di oggi è di stagione, fatto con fichi freschi ben maturi per una sana colazione o per il te del pomeriggio.




Gli ingredienti per il plumcake sono:

300 g di farina (100 gr. di farro e 200 gr. di 00)
200 g di zucchero
100 g di burro
3 uova
300 g circa di fichi molto maturi
50 g di granella di nocciole
una bustina di lievito per dolci

Preparazione: pulire i fichi, togliere la buccia e metterli in un piatto e schiacciarli con una forchetta. Nel frattempo in una terrina sbattere le uova intere con lo zucchero fino a quando non diventano spumosi. Unite il burro fuso un po' alla volta continuando a girare dopodichè unite le farine ed il lievito incorporandole piano piano con una frusta a mano, quando il composto sarà ben amalgamato versare la granella di nocciole e la crema di fichi. Personalmente ho versato il composto dentro 3 stampi da plumcake medi foderandoli con della carta da forno bagnata a strizzata. Sopra ho aggiunto ancora dei fichi e un po' di zucchero di canna per dare una bella colore dorato. Ho messo in forno preriscaldato a 170° per 40-45 minuti.


Morbido e profumato...autunnale.....

venerdì 13 settembre 2013

Involtini di melanzane alle sagne ritorte limone e pepe

Buongiorno, oggi una ricetta per pranzo, tipica della cucina mediterranea. La pasta è particolare, sono sagne ritorte al limone e pepe del pastificio Del Duca di Lecce. Con questa ricetta continuo a partecipare al contest Posta la Pasta de I Luoghi dell'anima.


Gli ingredienti sempre della filiera corta, melanzane tonde, pomodori, peperoni, cipolla bianca, basilico, olio extravergine d'oliva e la pasta Sagne ritorte limone e pepe
Il procedimento è il seguente: prendere una melanzana tonda, lavarla, pulirla e farla a fette, mettere sulla piastra e arrostire, condirle con un po' di sale, olio evo e prezzemolo tritato. Poi mettere sulla piastra o in forno come preferite il peperone rosso, spellarlo, togliere i semi e tagliarlo a dadini così come i pomodori tuffati in acqua bollente e poi in acqua fredda, spellati privati di semi e ridotti a dadini.
Tagliare a julienne mezza cipolla far saltare in padella a fuoco moderato ed aggiungere i peperoni e i pomodori, cuocere per 15 minuti circa, salare alla fine, nel frattempo portate l'acqua in ebollizione e cuocete la pasta.

Prendete un piatto mettete la salsa di pomodoro e peperoni, adagiate gli involtini di pasta e melanzane e irrorate con dell'olio evo al basilico. Il gusto è intenso dovuto al sapore della pasta che completa il piatto. Buon appetito!!





mercoledì 11 settembre 2013

Visita Resort Antonello Colonna

Il 9 settembre ho avuto il piacere di visitare il Resort di Antonello Colonna presso Labico provincia di Roma per una lezione interessante di conoscenza del suo progetto, nell'ambito di un corso che sto svolgendo, per la valorizzazione della cultura enogastronomica abruzzese. In questa occasione ci è stato donato il suo unico libro di cucina, interessante e prezioso.


Basta leggere la sua prefazione per capire che si tratta di un personaggio eclettico

"...Chi lo avrebbe mai detto. Chi avrebbe mai scommesso che un giorno o l’altro si sarebbe trovato di fronte a un libro che raccogliesse le ricette fondamentali di Antonello Colonna, che in tanti anni di attività ha sempre dichiarato con convinzione che mai e poi mai avrebbe scritto un’opera in cui l’esaltante esperienza dei sapori si sarebbe dovuta ridurre a grammature, tempi di cottura e procedimenti vari. E
invece, a dispetto di chi è convinto che il mondo delle idee non sia in perenne movimento e in eterna rivoluzione, questo libro è la dimostrazione di come l’imprevedibilità e la capacità di imparare sempre a guardare la vita da punti di vista diversi, a volte anche opposti, siano l’unica vera costante di questo personaggio per il quale le parole immobilità e staticità esistono solo nella loro accezione letteraria".


          ....esperienza unica....
Related Posts with Thumbnails