Passata di pomodoro

Ancora sapori e profumi dell'estate appena trascorsa. Profumo di pomodori maturi, sodi, dolci...Da 25 anni ormai, ad agosto, io ed alcuni miei parenti ci riuniamo nella casa di paese, una bella casa padronale con un cortile interno al centro del quale vi è un antico pozzo.


Nel cortile si svolge, fervida, l'attività di "produzione"....E' una grande festa, si inizia la mattina presto con le cassette di pomodoro comprate al contadino di fiducia, le ceste, le tovaglie, i coltelli, le bottiglie, gli imbuti e la famigerata macchinetta trita pomodori e subito si parte con la catena di produzione, ognuno ha un suo ruolo!

Nel frattempo si prepara il camino, si fa ardere la legna e ci si ristora con una ricca merenda mattutina a base di pane scaldato sulle braci, olio e naturalmente pomodoro tagliato a fette, una vera bontà!!


Sì, perchè noi, le bottiglie le mettiamo dentro un calderone che poi verrà posto sul fuoco del camino, la nostra passata quindi avrà tutto un altro sapore..ed ecco il risultato:



E' passato un mese e adesso cominciamo ad usarle. Aperta la bottiglia si sente il profumo del pomodoro fresco..fatto da noi è davvero tutta un'altra storia ;)
La tradizione che si rinnova!

"La storia nostra è storia della nostra anima;
e storia dell'anima umana è la storia del mondo".
(B. Croce)

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotti abruzzesi "Li rimbizze"

Tarallini al mosto cotto

Cachi verdi sott'olio